IMMUNOTERAPIA NEL TUMORE RENALE AL TEMPO DEL COVID

CON IL CONTRIBUTO INCONDIZIONATO DI

Inizio: 09-11-2020 - Fine: 12-11-2020

Chiusura iscrizioni: 09-11-2020


Formazione a distanza - Crediti ECM: 3.6


Ore previste: 2.00 – Posti disponibili: 478 – Stato corso:


Discipline e professioni:

Medico chirurgo:
Allergologia ed immunologia clinica
Genetica medica
Nefrologia
Oncologia
Radioterapia
Chirurgia generale
Urologia
Anatomia patologica
Medicina nucleare
Radiodiagnostica

Farmacista:
Farmacia ospedaliera
Farmacia territoriale

Biologo:
Biologo

Leggi tutto
Leggi meno

Descrizione

Scheda del corso

Il trattamento dei tumori si è concentrato per decenni su tre principali approcci terapeutici: la

chirurgia, la chemioterapia e la radioterapia. Ma la ricerca in campo oncologico ha mostrato come esistano in realtà altre vie per contrastare in maniera selettiva la crescita della cellula tumorale, colpendola nelle sue caratteristiche più tipiche e necessarie. Uno dei settori più promettenti che ha raggiunto l’ambito clinico è rappresentato dall’immunoterapia, un approccio che si prefigge di rafforzare la risposta immunitaria che l’organismo spontaneamente sviluppa nei confronti delle cellule maligne, sino a trasformarla in uno strumento terapeutico efficace.

Si può affermare che siamo di fronte a una nuova era in cui l’immunoterapia sta entrando a far parte a pieno titolo dei diversi strumenti terapeutici e prognostici disponibili in ambito oncologico.

Il carcinoma del rene è una neoplasia caratterizzata da una considerevole eterogeneità prognostica. Infatti, mentre alcune categorie di pazienti affetti da carcinoma renale hanno elevate probabilità di sopravvivenza, tanto che in casi molto selezionati è finanche possibile osservare l’evolvere della malattia senza intervenire, altri non riescono a superare la malattia pur sottoponendosi a trattamenti combinati comprendenti chirurgia, radioterapia, terapia a bersaglio molecolare specifico e immunoterapia.

Le difficoltà di trattamento si sommano a quelle legate alla diagnosi e alla definizione dell’aggressività biologica del carcinoma del rene, definizione che appare tanto più importante nel caso specifico del carcinoma renale rispetto alla sua citata eterogeneità prognostica.

Su queste basi, alla luce delle più recenti acquisizioni dalla ricerca scientifica, l’evento propone una struttura scientifica che affronterà a tutto campo la problematica clinica: dalle basi biologiche di questa innovativa modalità di trattamento, così diversa da quelle che il clinico è abituato ad utilizzare, alle caratteristiche della risposta immunitaria antitumore, alle complesse dinamiche che essa instaura con la neoplasia e ai possibili interventi terapeutici che possono essere messi in atto nel controllo della malattia neoplastica, nonché ai recenti successi clinici dell’immunoterapia nel trattamento del paziente oncologico.

Scheda Faculty

COGNOME NOME LAUREA DISCIPLINA AFFILIAZIONE CITTA'
DONI LAURA Medicina e chirurgia Oncologia Dirigente medico Oncologia Azienda Ospedaliero Universitaria di Careggi Firenze (FI)
GALLI LUCA Medicina e chirurgia Oncologia Dirigente Medico Unità Operativa Oncologia Medica 2 Universitaria Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana (PI) Pisa (PI)
DEL RE MARZIA Farmacia Biochimica clinica Dirigente Farmacista U.O. Farmacologia Clinica e Farmacogenetica, Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana  Pisa (PI)

Programma scientifico

15.30 Il carcinoma renale metastatico: razionale di trattamento immunologico ed evidenze scientifiche (Luca Galli) 30'

 

16.00 Discussione 10' tutti

 

16.10 La valutazione della risposta all'immunoterapia: applicazioni possibili dell'intelligenza artificiale (Marzia Del Re) 30’

 

16.40 Discussione 10' tutti

 

16.50  Il trattamento del carcinoma renale metastatico in era COVID 19 (Laura Doni) 30'

 

17.20 Discussione 10' tutti

 

17.30 Conclusioni

Programma scientifico